Diario di una Social Geek

mercoledì 3 dicembre 2014

Facebook e diritti d'autore: il social network è come una casa!



Cosa c'entra il tema dei diritti d'autore su Facebook con una casa? Ecco la mia metafora per spiegare come gli aggiornamenti di status tipo:

a tutela della mia privacy
A causa del fatto che Facebook ha scelto di includere software che permetterà il furto di informazioni personali: in questa data del 28 novembre 2014, in risposta alle nuove linee guida di Facebook, a norma degli articoli L. 111 , 112 e 113 del Codice della proprietà intellettuale, dichiaro che i miei diritti sono relativi a tutti i miei dati personali, disegni, dipinti, fotografie, testi, musica, ecc. postati sul mio profilo prima di tale data, ora e per sempre. Per l’uso commerciale di quanto sopre è richiesto in ogni momento il mio consenso.
Con questa informazione diffido Facebook dal divulgare, copiare, distribuire, trasmettere o fare qualsiasi altra azione contro di me sulla base di questo contenuto profilo. Le azioni di cui sopra si applicano anche ai dipendenti, studenti, altro personale ed agenti collegati da Facebook.
Il contenuto del mio profilo contiene informazioni private. La violazione della mia privacy è punibile per legge ( UCC 1-308 1-308 1-103 e lo statuto di Roma). Facebook è ora un'istituzione a capitale aperto. Tutti i membri sono invitati ad inviare un avviso di questo, o se preferite, è possibile copiare e incollare questa versione.

... non servono a NULLA. 

Provate a immaginare Facebook come una casa.. o meglio, come la casa di ognuno di voi.
Un bel giorno decido di aprire le porte di casa mia a tutti e gratuitamente: tutti sono invitati a entrare, conoscersi, stringere relazioni, fare amicizia e condividere esperienze. 

In cambio, io registro i dati e gli interessi di chi entra e li utilizzo a scopi pubblicitari: in questo modo posso attaccare dei poster sulle pareti con offerte commerciali, fare volantinaggio e diffondere pubblicità che ritengo possano essere d'interesse per i miei ospiti. 

Chi desidera attaccare questi poster, ovviamente, deve pagarmi: è così che ci guadagno. 

C'è una regola importante per chi vuole entrare: tutto quello che viene portato dentro casa mia, diventa mio; anche le cose che prima erano altrui. Tutte queste cose posso decidere di utilizzarle persino a scopi pubblicitari. 

Un'altra delle mie regole che tutti devono accettare è che posso decidere di cambiarle in corso d'opera a mio piacimento: possono essere regole giuste o sbagliate ma sono le mie regole e chi vuole entrare o chi sta dentro deve necessariamente rispettarle. 

L'unico escamotage per chi decide di entrare in casa mia e non è d'accordo con questa regola è questo: evitare di portare con sè qualsiasi oggetto perché in questo modo non posso appropriarmi di nulla. È inutile che chi sta dentro tenti di ribellarsi alle mie regole: siete in casa mia e se avete deciso di entrare avete accettato le mie regole; se non vi piacciono più, quella è la porta.


Disclaimer


Tutto questo per spiegarvi che siamo tutti ospiti su ‪Facebook‬. Chi ha deciso di iscriversi ha acconsentito a una serie di regole che possono essere ritenute giuste o sbagliate; sono sempre le regole di Facebook, però. 


Non vi piace come vengono utilizzati i vostri dati, le vostre foto e i vostri contenuti? Avete un importantissimo strumento a vostra disposizione, il Controllo della Privacy: imparate a utilizzarlo e comportatevi sui social network con responsabilità.

È possibile, inoltre, persino cancellare il proprio account. 

Un consiglio. Leggere il regolamento, i termini e le condizioni di servizio quando ci si registra online su qualsiasi sito è cosa buona e giusta: prendete questa buona abitudine.

Vi consiglio di leggere il post che Rudy Bandiera ha scritto sul suo sito sull'argomento: buona lettura e buona condivisione!

(foto: pixabay.com)